SENTIERO


Da Calalzo al rif. Chiggiato per Val Diassa, prosegue per forcella Diau de la Tana e biv. Tiziano (al rif. Chiggiato ore 2 da Praciadelan).

Da Calalzo (806 m) per la rotabile della Val d'Oten alla località Praciadelan, poi brevemente su carrareccia fino al torrente Diassa (1133 m). Qui a destra inizia il sentiero segnavia 260 che si inoltra nella Val Diassa risalendone la sinistra idrografica, inizialmente sul ghiaione, poi dopo qualche centinaio di metri il sentiero piega a destra e prosegue ripido nel fitto bosco di faggi e conifere. Con lo sguardo che spazia nella sottostante Val d'Oten, sul Ciauderona e sulle Marmarole si giunge al rif. Chiggiato. Il sentiero prosegue raggiungendo la sella di forcella Sacù, qui svolta a sinistra e tagliando sostanzialmente in quota verso Nord-Ovest sotto le rocce della Cresta d'Aiaron, della Cima della 68^ Compagnia e della Punta Salina, entra nella Val Tana. Qui inizia la ferrata che attraverso roccette, scale e corde fisse, consente di raggiungere la forcella Diau de la Tana (2650 m) che si apre sulla dorsale principale delle Marmarole fra la punta Anita e le Cime Val Tana. Il sentiero continua poi in territorio auronzano fino al biv. Tiziano (ore 4:30 dal rif. Chiggiato). Le scalette e le corde fisse furono collocate negli anni '40 dagli Alpini del Battaglion Cadore, per questo è detto anche “sentiero degli Alpini”.



WWW.CAICALALZO.IT

su